.. ..
Logo Azienda elettrica
.. .. ..
slideimg0 slideimg1 slideimg2 slideimg3 slideimg4 slideimg5 slideimg6 slideimg7 slideimg8 slideimg9 slideimg10 slideimg11 slideimg12
Ci prendiamo cura
    della vostra energia

Attualità

Borsa Elettrica - A ottobre +7,4% a 62,23 €
..
..
..

Pubblicata

Mercoledì 19 Novembre 2014

Il prezzo medio di acquisto dell'energia sulla borsa elettrica in ottobre è aumentato di 4,26 €/MWh (+7,4%) tornando per la prima volta nell'anno sopra i 60 €/MWh a 62,23 €.

Rispetto a ottobre 2013 la flessione è 2,13 € (-3,3%). Anche nelle ore di picco e nelle ore fuori picco, i prezzi segnano il massimo annuale, pari rispettivamente a 71,89 e 56,55 €/MWh con il rapporto picco/baseload che sale a 1,16. Ai massimi dell'anno i prezzi medi di vendita di tutte le zone eccetto la Sicilia. Pressoché allineati attorno ai 60 € i prezzi di Nord, Centro Nord, Centro Sud e Sardegna. Il Sud, con 56,24 €, registra ancora il prezzo più basso, la Sicilia, con 95,06 €, quello più alto. Ad ottobre, i volumi di energia elettrica scambiati nel Sistema Italia, in calo su base annua dello 0,7%, si attestano a 23,9 milioni di MWh. Gli scambi nella borsa elettrica, pari a 15,1 milioni di MWh, segnano un -0,3%, mentre gli scambi over the counter registrati sulla PCE e nominati su MGP, seppur ai massimi da febbraio, calano su base annua dell'1,3% portandosi a 8,8 milioni di MWh. La liquidità del mercato, al sesto calo congiunturale consecutivo, si porta a 63,2% appena 0,2 punti percentuali sopra il minimo di ottobre 2013.

 

Gli acquisti nazionali, pari a 23,6 milioni di MWh, sono diminuiti dell'1,3%. Più che raddoppiati gli acquisti sulle zone estere (esportazioni), pari a 303 mila MWh (+115,6% su base annua). Ancora in riduzione le vendite di energia elettrica delle unità di produzione nazionale (-2,1%), scese a 19,1 milioni di MWh, minimo storico in media oraria. Le importazioni, pari a 4,8 milioni di MWh (+5,4%), salgono ai massimi degli ultimi sette mesi. Le vendite da impianti a fonte rinnovabile, le più basse da inizio anno, segnano, però, ancora un incremento tendenziale (+9,9%), sostenute dalla fonte eolica (+29,5%) e solare (+16,9%). Si confermano in calo, invece, le vendite da impianti a fonte tradizionale (-6,7%), ed in particolare quelle degli impianti a gas (-11,6%). La quota delle fonti rinnovabili sale pertanto al 35,6% (32,1% ad ottobre 2013), con l'eolica al 5,5% (+1,3 punti percentuali) ed il solare all'11,7% (+1,9 p.p.). Ai massimi degli ultimi nove mesi, invece, la quota degli impianti a gas che però scende al 37,6% (41,7% un anno fa); pressoché invariate le quote delle altre fonti.

 
..
..
..
.. .. .. ..
..
..
..
..